Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza, continuando a navigare o chiudendo questo banner acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

In copertina, Illustrazione di Bruna Pallante che reinterpreta ritratto di Maria Montessori

Il numero sull'abitare mi è particolarmente caro - al pari del numero sulla Letteratura, perchè proprio come quello, testimonia un importante cambiamento.

Cambiamenti

Innanzitutto è aumentato il numero di pagine, a testimonianza del fatto che abbiamo un maggior numero di contributi. 
Poi abbiamo ottenuto dal Centro Nazionale ISSN l'assegnazione di un codice univoco per la carta stampata e uno per la versione in pdf accessibile, che identifica Orione come pubblicazione a tutti gli effetti e che la vedrà inserita negli archivi bibliotecari nazionali.
Infine, l'ultima novità, è l'elenco dei punti di distribuzione che trovate a pag. 37: trovate Orione non più solo presso la sede della Fondazione Sinapsi ma in diverse città - e questa è una lista che miriamo a ingrandire.

Abitare

Questo numero è essenzialmente un’indagine su come l’ambiente circostante, inteso come fisico, di relazioni, di regole o condizionamenti, possa incidere sulla costruzione del benessere esistenziale.
Abbiamo chiesto agli autori di approfondire la dimensione dell’insieme dei caratteri ambientali, culturali e sociali che favoriscono o inibiscono il comportamento delle persone che abitano un determinato spazio. Come il bello o il brutto nelle situazioni ambientali possano influenzare la costruzione della personalità, come la dimensione e la struttura degli spazi abitati incidono sulle dinamiche comunitarie e relazionali.
Abbiamo indagato le dinamiche dell’abitare come metafora dei prodotti culturali, dense di significazione e di simboli. La spazialità è indiscernibile dall’esperienza stessa: qualsiasi aspetto della vita umana si svolge in un luogo che si abita.
Materie come la sociologia urbana o la psicologia ambientale indagano i rapporti oggettivi tra la realtà circostante, il comportamento e le percezioni dei soggetti, le dinamiche sociali; inoltre si occupano del significato che gli spazi acquisiscono nel flusso di esperienza che si collega all’azione.
Se l’abitare è occupare uno spazio, a partire dallo spazio fisico, lo spazio della casa, dell’aula, della città, si può spostare la significazione sullo spazio metaforico: abitare il corpo, la lingua, il tempo, il proprio sistema valoriale e culturale.

Gli autori

Apre questo numero l'editoriale del direttore della Fondazione Sinapsi, Alessandra de Robertis, e lo chiude l'opinione del presidente Attilio Sofia.
All'interno l'intervista a Erri De Luca di Gabriella Sorrentino; un prezioso contributo di Federico Perozziello sull'abitare il proprio corpo nel disturbo psichiatrico; un pezzo di Maria Luisa Iavarone a quattro mani con Stefania Maddalena sull'abitare la corporeità nella postmodernità; pezzi di Massimiliano De Cesaris e Massimo Camussi sulla significazione e interpretazione degli spazi abitativi. Inoltre un bell'articolo di Aldo Torrebruno sui nuovi spazi di apprendimento, un articolo di Porfidio Monda sulla metafora dell'abitare la durata, il tempo; un articolo centrato sul nuovo modo di abitare gli spazi urbani con la social innovation di Toti Di Dio che ci parla di PUSH e una visione d'insieme su chi abita l'Europa di Maddalena Illario. Marco Crespi e Armando Monda invece ci portano in visioni futuristiche con 'Abitare lo Spazio' e la proiezione di una casa intelligente; Fabio Luciano ci parla dell'organizzazione dello spazio secondo il metodo Montessori e Eleonora di Martino ci racconta invece lo spazio aula organizzato secondo i valori guida dell'apprendimento cooperativo.

Buona lettura!